COSA DICONO

La mia “Vyrus esperienza” è certamente legata al mezzo (anche perché ho assistito alla sua nascita/evoluzione), ma soprattutto è distinta da una profonda amicizia con Asca e alla sua pazza idea di ciò che ha creato. Ho vissuto una parentesi eccezionale della mia vita con quella moto e con tutti voi. Ma non sono la persona adatta a esprimere un giudizio tecnico/qualitativo sulla moto.
Ho sempre vissuto Vyrus come somma di tante sensazioni positive che provenivano dal gruppo, dal grande capo, da te, dal responsabile del sorriso in pista, fino alle fantastiche spaghettate di Pelo all’una di notte dopo aver montato il camion o alle prelibatezze di Marcello e ovviamente a lei, la moto e ai giri di pista che si sognano fino al mattino. Se dovessi stilare però una classifica di sensazioni, la farei in quest’ordine. E non perché ignoro quale fantastico mezzo è la mia Vyrus, ma perché istintivamente ho sempre ricercato lo star bene in gruppo alla parte tecnica, seppur attraente e affascinante.
Il valore della Vyrus, per me, è tutto questo.
Cecco

Le sensazioni sono estremamente indescrivibili!
Ricordo quel lontano luglio del 2003 quando Asca mi fece guidare la prima 984,ero in officina ad aspettare il mio Monster dopo una riparazione e nel frattempo mi disse PROVALA ci conoscevamo appena, li è iniziata un’amicizia speciale e un amore a prima vista direi in questo caso a primo giro.
Quindi se vuoi sapere le sensazioni che ti rilascia una Vyrus provala perchè non ci sono parole capaci per descrivere un’opera d’arte.
Riassumo in una parola ORGASMICA!
Se avessi le possibilità ne prenderei una di tutte le serie!
Marcello

La sensazione è quella di guidare tecnologia pura ed avere una moto innovativa con un’estetica di altissimo livello
Marco

La prima volta che ho guidato la Vyrus (984) è stato divertimento puro al 100%. La leggerezza e maneggevolezza di un 125 con un 1100 ducati, un mix incredibilmente lussurioso.
Poche curve sulle colline romagnole e sotto il casco il sorriso da orecchio a orecchio…tutte quelle sensazioni che mi ricordavano un po’ le emozioni di quando ho guidato per la prima volta una moto …..
Bella e curata nei dettagli una moto che non lascia indifferenti, provoca emozioni forti…
La 984 è il mix vincente per usarla tutti i giorni, veramente divertente anche per un rider con poca esperienza o alle prime armi, è facilissima , veramente bella.
La 987 bisogna dargli del Lei , divertente ma impegnativa..la cavalleria è tanta e il peso estremamente contenuto ne fanno un’arma letale. Una moto per rider esperti che amano l’estremo, non consigliata a persone normali e intelligenti con un minimo di senso di responsabilità. Il design come quello della 984 è molto particolare e non passa inosservato…in città anche le vecchiette con la borsa della spesa si fermano per guardarla e i ragazzi ti indicano con il dito indice per capire che oggetto stai guidando…o da che mondo arrivi.
La 986 penso sia la moto più bella mai vista, un mix di design e soluzioni tecniche veramente innovative che ne fanno un’ oggetto esclusivo e bellissimo da guidare. Una Vyrus con un 4 cilindri Honda , chi l’avrebbe mai detto…eppure bisogna provarla per credere.
Chi prende una Vyrus non è una persona normale, lascio a voi capire che tipo di persona è …..ma una cosa è certa: è un vyrus che entra nell’organismo dell’uomo motociclista e si riproduce nelle strutture molecolari fino a trasformalo in un essere anomalo detto “vyrussiano” . E’ un percorso alquanto breve a cui non c’è ritorno
Bruno